80

L'annuncio dell'Ideale

In: "Mariapoli", 5 (1988), n. 9, pp. 7-8.

(- )

È in programma per tutto il Movimento un argomento che riguarda tutti noi, ma si rifà sempre a Maria: la "via Mariae".È il nostro itinerario spirituale che, dopo averlo scoperto venticinque anni fa circa e spiegato, verrà presentato arricchito di parecchi elementi per l'esperienza che abbiamo potuto fare in questi ultimi due decenni: tanti su quarant'anni di vita !

Parlare di Maria ancora non è fuori luogo, né fuori tempo. Come ebbe ad esprimersi il Santo Padre Giovanni Paolo II, infatti, se è finito l'Anno Mariano, non si è conclusa l'epoca di Maria, che si può pensare arrivi almeno fino alla fine del secolo, quando si festeggeranno i duemila anni dalla nascita di Gesù.

Allora, avendo presente che tutto il Movimento approfondirà questa via dell'amore, mi sono detta: non sarebbe bello, attraverso i collegamenti di quest'anno, puntualizzare una tappa dopo l'altra per riprendere coscienza dei passi che abbiamo già fatto o faremo nel nostro santo viaggio? Per trarre qualche insegnamento pratico, per rendere il dovuto ringraziamento a Dio dei doni ricevuti e pregustare i futuri, per prepararci alle prove indispensabili che verranno?

Per questo vorrei sottoporre oggi alla vostra ed alla mia attenzione la prima tappa della "via Mariae": l'Annunciazione.

Essa significa per noi l'annuncio dell'Ideale, quel momento della nostra vita in cui Dio si è manifestato a noi, in modo particolare, con una luce superiore; ci ha chiamati, ci ha scelti per un suo fine preciso e noi gli abbiamo risposto, facendo di lui il perché della nostra vita.

In tal modo ci siamo trovati lanciati in una vita nuova, in un'avventura divina, dove abbiamo cercato di amarlo, vivendo la spiritualità che ci ha donato. (. . .)

Riviviamo la nostra annunciazione accogliendo come Maria, nel nostro cuore, Dio, che vorremmo riscoprire presente dovunque nella natura. Che egli entri in noi maggiormente con le sue grazie, con quel carisma che ci ha destinato, perché si compia su di noi, ancora come in Maria, il suo disegno.