DUE PAROLE
AMORE DI PLASTICA
QUESTA NOTTE UNA LUCCIOLA ILLUMINA LA MIA FINESTRA
SULLA MIA PELLE
POSSO ESSERE PIU' FELICE
LINGUA A SONAGLI
NON TI HO MAI CHIESTO
VORREI DIRE
LO STONATO
NELL' APPARENZA 
LA SEMPLICITA'
QUELLO CHE SENTO
FINO A QUANDO



 
 
 
 

AMORE DI PLASTICA

Testo e musica di Carmen
 Consoli e Mario Venuti

 Non sei per nulla obbligato
 a comprendermi
 quasi non sento il bisogno
 d'insistere

 tu che mi offrivi un amore
 di plastica
 ti sei mai chiesto se onesto
 era illudermi

 ricorda
 tu sei quello che non c'è
 quando io piango
 tu sei quello che non sa
 quando è il mio compleanno
 quando vago nel buio

 ma come posso dare l'anima
 e riuscire a credere
 che tutto sia più o meno facile
 quando è impossibile
 volevo essere più forte di
 ogni tua perplessità
 ma io non posso
 accontentarmi se
 tutto quello che
 sai darmi
 è un amore di plastica

 tu sei quel fuoco che stenta
 ad accendersi
 non hai più scuse eppure sai
 confondermi

 ricorda
 tu sei quello che non c'è
 quando io piango
 tu sei quello che non sa
 quando è il mio compleanno
 quando vago nel buio
 ma come posso dare l'anima
 e riuscire a credere
 che tutto sia più o meno facile
 quando è impossibile

 volevo essere più forte di
 ogni tua perplessità
 ma io non posso
 accontentarmi se
 tutto quello che
 sai darmi
 è un amore di plastica

 ma io non posso
 accontentarmi se
 tutto quello che
 sai darmi è un amore di
 plastica.

 Carmen Consoli: voce, basso,
 shaker
 Massimo Roccaforte: chitarra
 elettrica, synth
 inizio


QUESTA NOTTE UNA LUCCIOLA
ILLUMINA LA MIA FINESTRA

 Testo e musica di Carmen
 Consoli

 Questa notte una lucciola
 illumina la mia finestra e
 dentro un vecchio barattolo
 la conserverei

 lui diceva il segreto è
 ascoltare in silenzio e dentro
 il cuore di un fiore in città
 non fiorire mai
 ah ah...

 ora che il tempo si é fermato
 io sto aspettando
 sto aspettando
 ora che il tempo si è fermato
 io sto aspettando
 sto aspettando

 nodi in gola che graffiano
 le mani bianche del silenzio
 e verso un cielo in bottiglia
 vorrei non guardare mai
 ah ah ah...

 ora che il tempo si è fermato
 io sto aspettando
 sto aspettando
 ora che il tempo si è fermato
 io sto aspettando
 sto aspettando

 sto aspettando
 sto aspettando
 sto aspettando

 questa notte una lucciola
 illumina la mia finestra e
 nello scontrino di non so che
 io raccolgo immagini

 Carmen Consoli: voce, basso,
 shaker
 Massimo Roccaforte: chitarra
 elettrica, synth
inizio


SULLA MIA PELLE

Testo e musica di Carmen
 Consoli

 Io non spegnerei la luce di un
 brivido
 perchè non vedrei più le stelle
 che danzano

 io non cambierei il canto di un
 angelo
 perchè non vivrei più questo
 sordo dipingere

 la notte respira profumi di
 pace
 li tocco con la mia pelle
 non sento soltanto colori muti
 sulla mia pelle

 io non spegnerei la luce di un
 brivido
 perchè non vedrei più le stelle
 che ridono

 io non cambierei il canto di un
 angelo
 perchè non avrei più motivi
 per scrivere

 risento la voce di quella
 Marianna
 e il suono che vibra senza
 sapore
 la pagine mute della sua vita
 mi esplodono dentro senza
 rumore
 soltanto colori muti sulla mia
 pelle

 Carmen Consoli: voce, basso,
 shaker
 Massimo Roccaforte: chitarra
 elettrica, synth
inizio


POSSO ESSERE PIU' FELICE

Testo e musica di Carmen
 Consoli

 Come se potessi non essere
 fragile
 dosare goccia dopo goccia
 le mie energie
 raccogliendo stracci delle mie
 fatiche silenziose
 posso essere felice
 dov'è la certezza
 se la tua mano, adesso, non è
 più la stessa
 dov'è la certezza
 se, forse, un giorno dovrò dire
 ho sbagliato
 come se sapessi comprare
 indifferenza
 cercare sguardo dopo sguardo
 lontane complicità
 rileggendo i miei diari nella
 vecchia cucina vuota
 posso essere felice

 dov'è la certezza
 se la tua mano, adesso, non è
 più la stessa
 dov'è la certezza
 se, forse, un giorno dovrò dire
 ho sbagliato

 dov'è la certezza
 se la tua mano, adesso, non è
 più la stessa
 dov'è la certezza
 se, forse, un giorno dovrò dire
 ho sbagliato
 ...ma posso essere felice
 posso essere felice
 con poco

 Carmen Consoli: voce, basso,
 shaker
 Massimo Roccaforte: chitarra
 elettrica, synth
inizio


LINGUA A SONAGLI

Testo e musica di Carmen
 Consoli

 Guardo in fondo a un buco che
 rimane spento
 dentro le formiche parlano
 di me
 silenzio intorno è facile
 distinguere le voci delle
 nuvole

 e in questo silenzio penso
al losco
 tiro muto riservato
alle mie spalle
 onoratissime! beh!
 perchè non parli cosicchè
 potrò stanarti
 lingua a sonagli sputa in
 bocca a tuoi fratelli

 forse il sole è timido
 non parla al vento di fervori
 strani nascosti dentro sè
 mentre il mare livido
 rimane appeso sempre sotto
 il cielo
 parlarne è inutile
 

 e in questo silenzio 
penso al losco
 tiro muto riservato 
alle mie spalle
 onoratissime! beh!
 perchè non parli cosicchè
 potrò stanarti
 lingua a sonagli sputa in
 bocca ai tuoi fratelli...

 perchè non parli
cosicchè potrò
 stanarti lingua a sonagli

 Carmen Consoli: voce, basso,
 shaker
 Massimo Roccaforte: chitarra
 elettrica, synth
inizio


NON TI HO MAI CHIESTO
Testo e musica di Carmen
 Consoli - Rinaldi musica di
 Francesco Virlinzi

 Cosa posso perdere
 regalando tutte le mie cose
 forse troppa ingenuità
 mi sommerge ma
sono contenta
 quanta fatica per evitare
 di mentire a me stessa
 quanta fatica per ascoltare
 le parole di chi non pensa

 non ti ho mai chiesto
di cambiare
 la mia testa
 la mia testa
 non ti ho mai chiesto
di cambiare
 le mie cose
 le mie cose

 cosa posso perdere
 regalando tutte le mie cose
 un vestito usato,
un vecchio disco
 un libro che ho già letto
 quanta fatica nell'accettare
 il sentirsi dire che è poco
 quanta fatica per ascoltare
 le parole di cambia il gioco

 non ti ho mai chiesto
di cambiare
 la mia testa
 la mia testa
 non ti ho mai chiesto
di cambiare
 le mie cose
 le mie cose
 non ti ho mai...

 Carmen Consoli: voce, basso,
 shaker
 Massimo Roccaforte: chitarra
 elettrica, synth
inizio


VORREI DIRE

Testo e musica di Carmen
 Consoli

 Vorrei dire due parole
 a quel giorno cornuto che
 non mi vuole per niente
 incontrare
 vorrei dire due parole
 al mio cuore sfinito che
 non sa reagire e non può
 ringhiare ...eh
 voglio un cuore cane
 voglio un cuore cane
 voglio un cuore cano
 bastardo!

 vorrei dire due parole
 spiegare cosa significa
 sfuggire al sole per non
 bruciare ...eh
 voglio un cuore cane
 voglio un cuore cane
 voglio un cuore cane
 bastardo!

 voglio un cuore cane
 voglio un cuore cane
 voglio un cuore cane

 vorrei dire due parole
 a quell'istinto assopito che
 non si vuole per niente
 svegliare ...eh

 Carmen Consoli: voce, basso,
 shaker
 Massimo Roccaforte: chitarra
 elettrica, synth
 inizio


LO STONATO

Testo e musica di Carmen
 Consoli

 Ombre tra di noi
 io ti prego non lasciarne
 so che tu non vuoi
 accettare le mie scuse
 la la la...
 canta finchè puoi
 sfoga tutta la tua ira
 scusami se puoi
 mi dispiace se hai sofferto
 la la la...

 voleva il mio essere un
 consiglio
 scusa se invece poi ti ho dato
 un La stonato
 mi ha fatto male sai
 mi ha fatto male sai
 mi ha fatto male...

 mangia come vuoi
 spalma pure maionese
 canta finchè puoi
 perchè è tutta la vita

 voleva il mio essere
un consiglio
 scusa se invece ti ho dato
 un La stonato
 mi ha fatto male sai
 mi ha fatto male sai
 mi ha fatto male...

 ombre tra di noi
 io ti prego non lasciarne

 Carmen Consoli: voce, basso,
 shaker
 Massimo Roccaforte: chitarra
 elettrica, synth
inizio


NELL' APPARENZA

Testo e musica di Carmen
 Consoli

 Davanti al rischio c'è chi
 rinuncia
 indipendentemente da ciò
 che cerca
 segretamente spegnersi
 nell'apparenza
 segretamente spegnersi
 nell'apparenza
 spegnersi...
 fragile calma di chi
 non sente
 il muto logorarsi delle
 sue forze
 segretamente arrendersi
 alla speranza
 arrendersi alla speranza

 nella tua vita manchi solo tu
 nella tua vita manchi solo tu
 nella tua vita manchi solo tu

 l'insicurezza che risveglia
 intolleranze senza certezze
 segretamente arrendersi
 all'insolenza
 arrendersi facendo finta
 

 nella tua vita manchi solo tu
 nella...

 davanti al rischio c'è chi
 rinuncia
 indipendetemente da ciò
 che cerca
 segretamente spegnersi
 nell'apparenza
 segretamente spegnersi
 nell'apparenza...

 Carmen Consoli: voce, basso,
 shaker
 Massimo Roccaforte: chitarra
 elettrica, synth
 inizio


LA SEMPLICITA'

Testo e musica di Carmen
 Consoli - Mario Venuti

 Capita che tutto non basta
 perdere tutto ciò che resta

 capita che qualcosa resta
 e non sai cosa voglia dire

 la semplicità,la semplicità
 nelle cose che ami
 per le cose che ami
 mille strade cieli aperti
 sopra la realtà

 capita quando sei vestito
 credere di spogliare il mondo

 la semplicità,la semplicità
 nelle cose che ami
 per le cose che ami
 mille strade cieli aperti
 sopra la realtà

 la semplicità, la semplicità
 la semplicità, la semplicità
 nelle cose che ami
 per le cose che ami
 nelle cose che ami
 per le cose che ami

 ...e non sai cosa voglia dire
 la semplicità, la semplicità
 per me
 Carmen Consoli: voce, basso,
 shaker
 Massimo Roccaforte: chitarra
 elettrica, synth
inizio


QUELLO CHE SENTO

Testo e musica di Carmen
 Consoli

 Potrei parlare, discutere,
 stringere i denti, sorridere
 mentire infinitamente dire e
 ridire inutilità
 mostrare falsa, ipocrita serenità
 quando le parole si ribellano,
 favole fiumi, mari di
 perplessità non c'è una
 ragione per non provare
 quello che sento
 un cielo immenso dentro
 quello che sento

 ho bisogno di stare con te
 regalarti le ali di ogni mio pensiero
 oltre le vie chiuse in me
 voglio aprire il mio cuore
 a ciò che è vero

 potrei parlare, discutere,
 stringere i denti, sorridere
 soffrire infinitamente trovare
 un senso all'inutilità
 mostrare falsa ipocrita serenità
 quando le parole si ribellano,
 favole fiumi, mari di
 perplessità non c'è una
 ragione per non provare
 quello che sento

 ho bisogno di stare con te
 regalarti le ali di ogni mio pensiero
 oltre le vie chiuse in me
 voglio aprire il mio cuore
 a ciò che è vero

 Carmen Consoli: voce, basso,
 shaker
 Massimo Roccaforte: chitarra
 elettrica, synth
 inizio


FINO A QUANDO
Testo di Carmen Consoli -
 Rinaldi musica di Carmen
 Consoli

 Fino a quando
 sembrerà bellissimo
 quello che vedo, adesso, è un angelo
 e mi sembra di non sentire
 le mie facili paure
 a piedi nudi suono seduta
 nell'angolo

 fino a quando
 sembrerà possibile
 rubare al tempo un battito
 un secolo, un attimo
 e mi sembra di non sentire
 le mie facili paure
 l'invadenza dei miei pensieri
 fino a quando volerai
 nel mio cielo di terra e di fuoco
 quando le ali perderai
 guardami e dimmi perchè

 fino a quando questo fuoco
 brucerà dolcissimo
 dalle tue mani un piccolo
 miracolo

 e mi sembra di non sentire
 le mie facili paure
 l'invadenza dei miei pensieri

 fino a quando volerai
 nel mio cielo di terra e di fuoco
 quando le ali perderai
 guardami e dimmi perchè
 fino a quando
 nel mio cielo di terra e di fuoco

 fino a quando volerai
 nel mio cielo di terra e di fuoco
 fino a quando volerai
 nel mio cielo di terra e di fuoco

 Carmen Consoli: voce, basso,
 shaker
 Massimo Roccaforte: chitarra
 elettrica, synth
inizio