Un salto nel passato

Ancora oggi, nel nostro ambiente, si parla della storia di Gesù. Molte persone credono in lui e cercano di vivere secondo il suo esempio. Molti sono i segni visibili nel nostro ambiente o nel territorio in cui viviamo, che testimoniano tutto questo: le chiese, i capitelli, crocefissi nelle case, croci ed immaginette portate al collo, lo stesso insegnamento che viene dato nelle scuole, della religione, ci fa capire che nel nostro Paese, l'Italia, vive la storia cristiana.

La religione cristiana non è praticata solo nel nostro Paese, infatti è la religione più professata nel mondo, e conta circa un miliardo e mezzo di fedeli.

Come hanno fatto i discepoli a diffondere in tutto il mondo questo messaggio?

La prima comunità cristiana, come è sorta e come viveva?

Per conoscere gli inizi del cammino del cristianesimo cerchiamo nella Bibbia, nel libro degli Atti degli Apostoli.

Giulia M.

Sorry, your browser doesn't support Java(tm).
Arianna S.-Esmeralda S.

Come fratelli

Come in ogni famiglia ognuno ha un ruolo, così anche quando iniziò la vita della comunità cristiana tutti occupavano il proprio posto e rendevano il proprio servizio: tra tutti, i primi erano gli apostoli che avevano il compito di annunciare il messaggio di Gesù.

Essi presiedevano gli incontri, battezzavano, si curavano di tutto il popolo. La loro missione era quella di far conoscere Gesù, allora erano spesso in viaggio.

Sceglievano un sostituto durante la loro assenza: erano i presbiteri (o preti), cioè gli anziani. I cristiani non dovevano soltanto annunciare la parola di Gesù, ma dovevano anche metterla in pratica.

Per realizzare il comandamento di Gesù: "Amatevi gli uni gli altri, come io ho amato voi", vivevano come fratelli, erano curatori di malati, di poveri, e aiutavano i bisognosi.

A questo scopo gli apostoli elessero dei membri della comunità, perchè si occupassero di questo lavoro: erano gli aiutanti dei preti, i diaconi.

Uno dei primi diaconi seppe testimoniare la fede in Gesù fino alla morte: Stefano, il primo martire.

Il libro degli Atti degli Apostoli offre questa immagine della vita dei cristiani:

"Essi ascoltavano con assiduità l'insegnamento degli apostoli, vivevano insieme fraternamente, partecipavano alla cena del Signore e pregavano insieme".

Alessia B.-Erica U.

I primi battesimi
Alessio G.

Ascoltavano con assiduità

 Nella prima comunità, quella di Gerusalemme, vivevano così: un apostolo andava a casa di qualcuno che credeva in Gesù e lì andavano tutti.

Andavano anche i bambini, che provavano a ripetere le parole dette da Gesù, mentre i giovani e gli adulti le imparavano a memoria. Venivano raccontati i gesti eseguiti da Gesù. E tutti "rimpiangevano" la morte di Gesù che era il Messia mandato da Dio.

Esmeralda S.

Ascoltavano con assiduità gli insegnamenti degli apostoli
Simone I.

 

Condividevano tutto

Nell'insegnamento degli apostoli, i credenti trovavano bello vivere e mettere le proprie cose insieme. Vendevano i loro beni e le proprietà, e dividevano i soldi secondo le necessità delle persone.

Tutti si volevano bene, non c'erano ricchi o poveri. Erano sicuri di poter contare sull'aiuto di Gesù, non era facile, però li entusiasmava.

I bambini, gli ammalati e gli handicappati si trovavano bene grazie alle preghiere: "Dio dà il suo regno a quelli che sono come bambini, e tutto quello che avrete fatto ai più piccoli lo avrete fatto a me" aveva insegnato Gesù.

Gian Marco Z.

Condividevano tutto...
Luca G.-Simone M.

Partecipavano alla cena del Signore

Come Gesù aveva insegnato all'ultima cena, i credenti si riunivano a pregare e dividevano il pane, facendo così la Comunione (l'Eucarestia).

Rivolgevano a Dio canti, preghiere e aiutavano i poveri.

A poco a poco la gente che credeva in Gesù aumentava.

Partecipavano alla cena del Signore

Testo e disegno di Riccardo S.