logo3.jpg (4199 byte)

reazioni.gif (1651 byte)

La violenza, comunque si manifesti,  produce un trauma profondo che può colpire molti aspetti della vita, della persona e delle relazioni.
Le reazioni variano da persona a persona, ma sono spesso difficili da capire (e da accettare)  anche per chi le vive: possono sorprendere o sembrare insormontabili, possono essere sottili e quasi invisibili all'esterno, ingigantendosi tutto di un tratto in certi momenti della giornata o della vita, possono spaventare o sembrare senza senso, possono far sentire strani ...eppure sono reazioni normali, che hanno una funzione e che, se adeguatamente trattate, hanno una durata limitata nel tempo.
Quasi sempre chi ha vissuto un trauma riesce a mettere in atto delle strategie per difendersi dal dolore, barriere mentali o fisiche che aiutano a sentire un po' meno la sofferenza, a non pensarci, a fare come se nulla fossa successo, a regalarsi dei momenti di oblio e di libertà, a spiegarsi e riprendere il controllo su quello che accade.
Alcune di queste strategie però,  apparentemente efficaci in un primo momento, possono in seguito divenire veri e propri disagi. Talvolta ad esempio si cerca di calmare l’ansia e le preoccupazioni assumendo alcool, droghe o eccedendo con gli psicofarmaci, ma col tempo questo può diminuire le energie per affrontare la situazione. Così pure  l'oblio e la minimizzazione possono impedire di affrontare il problema, di farsi aiutare, di mettere in gioco le proprie risorse per rielaborare quanto succcesso. Con il tempo, se non si è ricevuto il sostegno adeguato, si possono sviluppare conseguenze e disturbi più evidenti e definiti, quali
attacchi di panico, fobie,disturbi alimentari, disturbi del sonno (incubi, sogni ricorrenti), malesseri o malattie di tipo psicosomatico, dipendenza da sostanze.
Gli psicologi hanno dato un nome a questo insieme di reazioni: sindrome post-traumatica (in inglese Post Traumatic Stress Disorders)
: se vuoi approfondire l'argomento puoi leggerti qualche articolo o dare un'occhiata alla bibliografia e ai link.
Chi da tanto tempo incontra donne con questi problemi ha imparato a riconoscere nelle loro parole dei vissuti ricorrenti: pensieri, emozioni, atteggiamenti fisici, modi di spiegarsi l'accaduto. Cliccando sul tipo di problema che vuoi approfondire troverei un elenco di modi di sentire più frequenti che ti potrà aiutare a capire meglio quello che ti accade o che accade alla donna che vuoi aiutare.

indietro.gif (2086 byte)

pulsanteeffetti1.gif (1688 byte)
home.gif (973 byte)

                                                                                                                                                                              

webmaster: Paola Bocciarelli
per ogni comunicazione sul sito scriveteci

merseylogo.gif (11427 byte)

logodcadm.gif (1546 byte)

Unione Europea

fonda.jpg (2455 byte)