Scuola di kitesurfing Mirror

Mappa del sito

Suggerimenti futili e altri consigli

(Ultimo aggiornamento: 24/03/03 )

  Questi sono i futili consigli ed altri suggerimenti compilati da Chris Glazier (tratti dai messaggi inviati al gruppo di Kitesurfing).  se avete altri consigli da dare , per cortesia mandatemi una e-mail (il messaggio, per HungVu, dovrà essere in lingua inglese).

  1. Suggerimenti futili per il kitesurfing
  2. Suggerimenti su come fare gli spins
  3. Suggerimenti su come risalire il vento
  4. Suggerimenti sulla finestra del vento e sul vento apparente

(questa pagina è stata scritta con un linguaggio molto dialettico tecnico e contratto, peggio che se fosse stata scritta nel bronx, mi auguro di riuscire a farVi capire qualcosa)


Suggerimenti futili per il kitesurfing

1. Quando riavvolgete le vostre linee sulla barra, usate una percorso a figura di 8 piuttosto che semplicemente fare dei cerchi. Questo eviterà che si intreccino quando le svolgete.

 

2. Se usate una piccola pompa a mano con il vostro gonfiabile, riponetela in qualcosa di protettivo. Le pompe si rompono facilmente se le mettete semplicemente dentro la sacca dell'aquilone. Io uso una vecchia protezione di un piede d'albero da windsurfing.

 

3. Se usate un aquilone del tipo foil, mantenete con attenzione le linee del vostro aquilone mentre lo riponete o queste si intrecceranno tra di loro. Se è possibile, non staccate mai le linee dall'aquilone.

 

4. Potete agganciare il laccio della tavola all'imbracatura o al diffusore della barra e non usare il fastidioso collegamento alla caviglia.

 

5. Attrezzate il vostro aquilone con una linea/barra rossa sul lato sinistro. Quasi tutti lo fanno. E' importante solo se qualcun altro mai userà il vostro aquilone, così non sarà confuso.

 

6. Se notate un messaggio interessante su un gruppo di discussione su kitesurf, cliccate sulla "barra degli strumenti standard" del vostro programma di navigazione in internet su "Preferiti" e poi su "Aggiungi a preferiti" e "OK". Potrete così facilmente tornare indietro e rileggere quel messaggio in ogni momento.

 

7. Per evitare l'avvitamento delle lamelle interne al bordo di attacco di un aquilone gonfiabile, prima di gonfiare l'aquilone disponetelo con il bordo di attacco piatto e dispiegato.

... ho trovato sufficiente, durante il pompaggio, tenere dritto poco più di 1 m (4 piedi = 1,2m) del bordo di attacco. 

 

8. Se usate un sistema a 4 linee, quando scollegate l'aquilone, legate assieme le estremità delle linee (usando un nodo a bocca di lupo) prima di avvolgerle. eviterete aggrovigliamenti.

 

.9. Toppe di materiale per fabbricare gli aquiloni sono disponibili presso la maggior parte di negozi di materiali marino (nastro per riparare gli spinnaker).

...ho avuto più fortuna con nastro per riparare le tende preso ad un negozio di materiale sportivo.

 

10. Se siete nuovi di questo sport, dovreste visitare http://web.tiscalinet.it/desideri/kiteindex-I.htm.

 

11. Allungamento delle linee di volo. Se usate un aquilone a 4 linee, periodicamente controllate le vostre linee principali rispetto ai freni e regolate i nodi delle linee principali per eventuali compensazioni. Le mie linee principali si sono allungate di diversi cm in più rispetto alle linee dei freni.

 

12. Risciacquate la parte interna della muta dopo ogni utilizzo e non puzzerà.

... o periodicamente saltate giù dalla tavola, agganciatevi, tenete in basso l'aquilone e lasciatevi trascinare un po' mentre tenete aperto il colletto della muta per raccogliere un po' di acqua.

 

13. Usate una imbracatura con una barra di distribuzione che non cada completamente quando vi sganciate su un lato. Questo vi aiuterà durante l'autosoccorso se vorrete poggiarvi sulla tavola o sull'aquilone.

 

14. Trovate un posto, nella vostra imbracatura, per un coltello a gancio o altri coltelli in acciaio inossidabile.

 

15. Volete rispondere privatamente ad un messaggio di posta elettronica? Cliccate sull'indirizzo dopo il termine "da". La vostra risposta sarà inviata al solo individuo e non a tutto il gruppo di interesse.

 

16. Cercare una perdita sul salsicciotto di un gonfiabile? Gonfiatelo bene. Alcuni piccoli fori non perdono abbastanza finchè non sono abbastanza in pressione.

 

17. Cercate argomenti che possano essere stati discussi prima come il gonfiaggio degli aquiloni con elio?. Battete "elio" (helium) nella casella di ricerca del gruppo di interesse e troverete molti e vecchi messaggi all'argomento.

 

 18. Sulla pompa degli  airblast Wipika, potete regolare l'imboccatura e farla diventare più grande - consente di pompare in modo più agevole. Altre pompe, come le RRD, necessitano di regolazione. Solo alcune piccole pompe Naish hanno prese d'aria da 1/4 di pollice per prevenire danni alla valvola a sfera.

 

19. Se non partite da una spiaggia sabbiosa, per appesantire l'aquilone potete usare una sacca o mangime per uccellini o lettiera per gatti e cibo per cani. Adeguatamente confezionato in plastiche resistenti, confezioni da 5 o 10 Kg sono disponibili al vostro supermaket.

...qualcun altro suggerisce di usare un cartone di vino riempito di acqua. E' più economico e di minor interesse per i furti.

 

20. Quando disarmate la vostra attrezzatura da soli, atterrate l'aquilone su terra, toglietegli potenza con il laccio, e se la vostra tavola è abbastanza pesante ancoratevi l'aquilone mentre camminate verso di lui.

...o se la vostra tavola è troppo leggera, affondate le derive in terra e attaccate il laccio di sicurezza a quello della tavola od allo straps, così tenderà ad affondare da sola, tanto per essere sicuri, scorrete con la vostra mano lungo la linea del laccio di sicurezza in caso l'aquilone tenti di decollare.

 

21. Usate nastro in PVC per elettricisti per veloci riparazioni a prova di acqua. Io ne usai un pezzo su una piccola tavola da windsurfer e resiste almeno da 4 anni.

 

22. Così non si sgualcisce nello stesso posto ciascuna volta, talvolta arrotolo l'aquilone dalla punta estrema (gonfiabili o ARC), i gonfiabili talvolta attorno alle costole longitudinali, e talvolta con le estremità ripiegate verso il centro (gonfiabili o ARC).

 

23. Se fate da soli in nodo finale delle vostre linee fatelo a forma di 8, annodarlo a figura di 8 in modo da avere la possibilità di allentarlo per successive regolazioni. Un'altra ragione di usare un nodo ad 8 anzichè un nodo normale/piano di terminazione è di avere meno problemi a porvi sopra un nodo a bocca di lupo.

 

24. Potete agganciare il laccio dell'aquilone all'imbracatura, e non con il noioso strap al polso.

 

25. Se mettete la vostra imbracatura intorno all'aquilone (per tenerlo arrotolato), è facile da portare. Usate il laccio come uno spallaccio.

 

26. Per sgonfiare il mio gonfiabile. Arrotolo un estremo fino al centro per far uscire l'aria dal bordo di attacco. Quindi metto la tavola sulla parte che ho arrotolato. Questo previene che si srotoli mentre arrotolo l'altro lato (verso il centro). Semplice ma efficacie.

 

27. Siete preoccupati di chiedere al vicino di chiedere a proposito di gruppi di kitesurf? Unitevi al gruppo della kitesurfschool che è specializzato nell'aiutare i principianti.

 

28. Non dimenticate di trattare la vostra linea di regolazione (il pezzetto grigio che attraversa la barra) con cera da candele, questo sigillerà la linea e terrà lontana la sabbia e la lubrificherà e così durerà più a lungo.[Naish kites]

 

29. Con le linee Q-Power di differenti colori avanti/dietro è più facile che avere differenti colori destra/sinistra.

... ho preso marcatori permanenti ed ho segnato le mie linee esterne con blu e rosso ed ho fatto a strisce la linea centrale. E' più semplice risolvere intrecci e avvitamenti. Se per voi non è niente almeno apparirà carino :)

 

Aggiornato al 11 aprile 2002 da Chris G., Roland A., Me, Windman, Steve Mc., Nick.


Suggerimenti per fare gli avvitamenti

Messaggi inviati su: http://groups.yahoo.com/group/kitesurf

Preparato da Chris G. il 09 settembre 2001

 

Da: "Chris Glazier" <cglazier@home.com>
Il: Domenica Settembre 9, 2001 5:45 am

Soggetto: Per favore consigli sullo spin?


I miei tentativi di spin finiscono fuori controllo e io cado sempre disorientato. Dovrei essere sganciato? (ho un aquilone ARX). Forse ho bisogno di consigli su come saltare più in verticale e meno in orizzontale.

Chris G

 

Da: Peter Traykovski <ptraykovski@whoi.edu>
Il: Domenica Settembre 9, 2001 11:43 am
Soggetto: Risposta: [ksurf] Per favore consigli sullo spin?

Ho appena cominciato con gli Spin. Bene, cado ancora un bel po' ma sto prendendo il controllo dell'aquilone e così anche quando riesco a mantenere l'aquilone in aria. Cosa ho trovato un po' di aiuto è fare degli esercizi (con qualsiasi piccolo aquilone a due linee) volando dietro la schiena. Camminando sulla spiaggia durante le rotazioni  ecc. Un paio di ore di questo gioco mi hanno dato una migliore sensibilità su dove dovrebbe essere la tensione delle linee e quale mano devo tirare durante i salti ecc. Puoi voler fare un tentativo, so che sembra un po' strano. 
E si, isalti verticali sono meglio di quelli orizzontali per fare questo trucco, gli atterraggi sono molto meno incontrollabili nei salti verticali.  Non rimanere agganciato, penso che non sia così importante la tua sensazione di avere il miglior controllo del lancio. Per me il miglior controllo è agganciato. Altri lo hanno sganciati. Per saltare più in verticale inizia con l'aquilone in alto e con una buona inclinazione della tavola prima del salto. Se vieni tirato sotto vento troppo presto all'inizio del salto andrai più in orizzontale che in verticale.

Peter

Da: "Dwight & Jacky" <fishersfort@attglobal.net>
Il: Domenica Settembre 9, 2001 7:25 am
Soggetto: Risposta: [ksurf] Per favore consigli sullo spin?

Se avete il video Powerzone II, guardate attentamente Nina. Essa usa modi perfetti per slatare e per lo spin. Il trucco non è usare l'aquilone, una sorta di uso. Ponete le vostre mani in mezzo alla barra per eliminare ogni tendenza alla rotazione. Quindi per saltare e ruotare usate progressivamente il salto dalla vostra tavola inclinata. Questo parcheggerà il vostro aquilone sulla vostra testa aspettando che voi finiate la rotazione. In questo modo non sono richieste particolari abilità. L'aquilone sarà sempre sopra la vostra testa e i vostri salti  will float back down.   Il tempo di volo dell'aquilone sembra essere più lungo anche quando saltate in questo modo. Non posso spiegare il perchè, ma un semplice salto di potenza fatto usando solo un salto dalla tavola inclinata avrà un lungo tempo di volo. Avrà un tempo di volo più lungo di quello di un salto fatto solo usando l'aquilone, facendogli invertire il suo senso di moto.
Passo per passo:
1. quando navigate con buona potenza,
2. lasciate salire lentamente l'aquilone fino a ore 11 dell'orologio e FERMATELO li.
3. portate le vostre mani al centro della barra.
4. sganciatevi inclinatevi indietro e inclinate molto la tavola, quindi saltate in avanti ed in alto, tutto in una manovra unica e veloce. Questo vi lancerà in aria di buoni 3 metri.
5. appena siete padroni di questa tecnica, iniziate a ruotare durante il salto.
6. non dovreste avere grandi velocità in avanti da gestire, dovrete solo cadere giù, quindi l'atterraggio dello spin è semplice anche atterrate di spalle.
Dwight


Suggerimenti su come risalire il vento


Messaggi inviati su: http://groups.yahoo.com/group/kitesurf
Preparato da Chris G. 2001/9/9


Da: mikeiacovides@hotmail.com
Il: Domenica Settembre 9, 2001 12:41 am
Soggetto: Abilità nel risalire il vento

Salve a tutti,
Ho un ARX 7.5 [62kg] che, grazie ai consigli di questo gruppo, che ho fatto sostituire dalla Naish a causa di problemi di delaminazione. Cavalco una tavola direzionale 6'6".
Sono allo stadio in cui mi sto battendo per risalire il vento ... ma è dannatamente troppo difficile! Ma si pensava fosse così ?!
Quando il vento è forte [beaufort 5] provo a bloccare l'aquilone a circa 45° ed a inclinare molto la tavola. Alla fine risalgo il vento molto velocemente e la trazione dell'aquilone è così forte che metto un BELLO SFORZO per mantenere una inclinazione della tavola che mi faccia risalire il vento. Alcune volte va bene ma mentre mi sforzo di mantenere l'inclinazione mi sento mancare il fiato per perdere il controllo!!! [è pauroso... specialmente se dovessi cadere...].
Alcune volte il bordo non funziona: la trazione dell'aquilone vince e finisco per andare sottovento velocissimo! Prima che questo accada provo a portare l'aquilone in posizione neutra in modo da ridurre la sua trazione ma con l'aquilone così alto non posso inclinare la tavola in maniera adeguata. Se tolgo potenza all'aquilone ancora non posso inclinare la tavola che vince la trazione dell'aquilone facendomi cadere all'indietro.
Abbastanza stranamente, quando provo a bolinare con venti leggeri facendo lavorare continuamente l'aquilone, vado piano con un bordo molto lieve ...  Non posso credere ai miei occhi !!!
Tutto questo per voi ha un senso ???
Grazie
Mike

Da: janwcoffey@yahoo.com
Il: Domenica Settembre 9, 2001 1:18 am
Soggetto: Risposta: Abilità nel risalire il vento

Ha perfettamente senso. Deve averlo almeno per te. Ero la un paio di mesi fa.
> Sono allo stadio in cui mi sto battendo per risalire il vento ... ma è dannatamente troppo difficile! Ma si pensava fosse così ?!
No, ma è così.

Parte di quello è la tavola grande con venti leggeri. La maggior parte di quello è tecnica. Prova a premere in giù verso l'acqua la tua gamba posteriore e quindi forzare contro l'aquilone.  Questo non forzerà solo l'aquilone ad andare al limite della finestra del vento ma  ti rallenterà e ti farà girare in maniera più marcata verso la direzione del vento.  All'inizio ti porterà in un punto in cui cadrai all'indietro, devi solo imparare a regolarti. Prova a buttarti indietro maggiormente contro la trazione delle line, questo metterà la maggior parte del tuo peso contro l'aquilone,  ancora una volta dovrai trovare il punto di equilibrio (è come andare in bicicletta)  Sei così vicino, ancora poche uscite e riuscirai.

Finchè andrai con un 4 linee, prova a togliere un po' di potenza ed a rallentare l'aquilone, quindi quando è abbastanza rallentato tira con le braccia e buttati indietro. Gira la tavola più verso il vento usando la pressione del tuo piede posteriore. Cadrai indietro e finirai sulla barra un bel po' di volte prima di imparare a sentire il punto di equilibrio. Ma il sistema migliore per uscire da questa spirale è rallentare l'aquilone.
Continua solo a fare quello che stai facendo, mi sembra quello che hai in mente,ai bisogno appena di un po' di pratica.
La mia prima bolina fu realmente quando ero sovrapotenza e potei  buttarmi tutto indietro. Non c'erano altri modi andavo giù con la schiena per tutta quella potenza.  Ponevo così tanta attenzione sull'aquilone ed a tenerlo in una posizione dove potevo gestirne la potenza che non mi stavo rendendo conto del fatto che stavo risalendo il vento.
Chiunque mi raccontava di andare piano per bolinare, ora ha un senso, ma andare in sovrapotenza è la strada più veloce per apprendere e per affinare le proprie sensazioni.
Jan

Da: jmullmd@home.com
Il: Domenica Settembre 9, 2001 1:37 am
Soggetto: Risposta: Abilità nel risalire il vento

Ciao Mike,
Per me ha perfettamente senso. Tenere l'aquilone in basso alla bordo della finestra del vento spesso aiuta a bolinare, ma se sei molto sovrapotenza puoi prendere così tanta velocità da poter perdere il bordo. Puoi prendere una grande trazione iniziando dal bordo della finestra del vento, ma come acceleri c'è anche il contributo del vento apparente che sovrasta il vento reale.

Sto considerando che il tuo aquilone sia completamente depotenziato quando sei con vento a 5 Bft  ... o probabilmente dovresti depotenziarlo maggiormente.

Con venti forti devi cercare veramente di controllare la tua velocità...RALLENTA. Tieni l'aquilone alto in cielo sui 45°, buttati indietro o siediti un po', mantieni l'inclinazione della tavola mentre vai lentamente e se prendi velocità sposta il tuo aquilone indietro ed in alto sopra la tua testa, rallentalo, ritorna alla tua inclinazione della tavola e velocemente rallenta l'aquilone finchè non risali il vento con una tavola controllata e lenta.

Puoi aver sentito che per bolinare deve avere l'aquilone di fronte a te, ma con venti forti probabilmente troverai che se il tuo aquilone è completamente depotenziato potrai risalire il vento anche se è alto in cielo fintanto che controlli la velocità della tavola e mantieni la sua inclinazione. Se sei completamente depotenziato, seduto o inclinato indietro, mentre provi a inclinare la tavola con l'aquilone alto in cielo e continui ad andare sottovento, è tempo di prendere un aquilone più piccolo, una tavola più piccola o meno galleggiante o diventare realmente grasso.
In condizioni di sottopotenza è importante mantenere la velocità della tavola alta in modo da poter planare e farle risalire il vento con così poca trazione verso il bordo della finestra del vento.
In condizioni di sovrapotenza è critico mantenere LENTA la velocità della tavola abbastanza da poter mantenere l'inclinazione della tavola.
Spero che questo aiuti. Mi sento che molto presto riuscirai a risalire il vento facilmente. Divertiti.
John


Da: bnow@earthlink.net
Il: Domenica Settembre 9, 2001 3:25 am
Soggetto: Risposta: Abilità nel risalire il vento

Ciao Mike
Ti darò alcuni suggerimenti che potrai provare nelle prossime uscite.
Primo afferra il concetto. Immagina di avere il vento alle tue spalle, il bordo della finestra del vento è alla tua destra e alla tua sinistra come sopra di te come a formare un arco. Puoi mettere l'aquilone sulla tua testa, così come puoi metterlo alla tua destra o sinistra. Questo è come io chiamo i margini della finestra del vento a destra o sinistra "linea limite". Appena prima della linea limite destra o sinistra l'aquilone ha trazione e appena dopo ha poca o nessuna capacità di trazione. Bolinando devi avere l'aquilone appena di fronte a queste linee limite nella direzione in cui stai andando, destra o sinistra. Hai bisogno anche della giusta velocità della tavola per essere in grado di mantenere la posizione dell'aquilone dentro la linea limite. Se la tua tavola è troppo lenta l'aquilone andrà oltre la linea limite, nella direzione in cui stai andando, e perderà potenza. Se la tua tavola è troppo veloce, risalirete il vento più velocemente dell'aquilone che così si muoverà verso il centro della zona di potenza causando un aumento della velocità perchè in quella zona genera più potenza. L'idea di muovere l'aquilone su e giù nel percorso sinusoidale ha due risvolti. Uno che crea vento apparente. L'altro rallentare la velocità con cui l'aquilone si sposta verso destra o verso sinistra, quindi voi andrete più veloci dell'aquilone, cambiando quindi la posizione dell'aquilone nella finestra del vento (più andate veloci con la tavola più l'aquilone si sposta al centro della finestra del vento). OK questo è abbastanza come concetto, spero che tu afferri qualcosa de mio tentativo di scriverlo. Quindi stai lavorando su posizione dell'aquilone, inclinazione e velocità della tavola. Ci sono poche tecniche che possono aiutarti in questo. Fai pratica nel far partire l'aquilone più verso il bordo della finestra del vento o della linea limite come la chiamo io, specialmente in condizioni di potenza. Affonda l'aquilone in avanti in modo che sia di fronte a te quando inizi a muoverti. Dovrai provare a vedere quanto dovrai affondarlo aggressivamente per partire e continuare ad andare. Un trucco è quello di affondare l'aquilone più aggressivamente se alla partenza si trova più vicino alla linea limite rispetto a quando la partenza viene fatta attraverso il centro della zona di potenza. Non sto dicendo di iniziare l'affondamento dell'aquilone dalla linea limite, ma semplicemente a destra del centro se devi andare a destra. Una volta che stai andando e ti senti tirare molto forte, porta l'aquilone in alto finchè non fai rallentare la tavola un po' e quindi riportalo in giù verso la linea limite per poter andare in avanti. Una volta che sarai più bravo, potrai inclinare di più la tavola in modo da causare più resistenza in acqua così che l'aquilone andrà davanti a te verso la linea limite riducendo la sua trazione. Questo è diverso dal semplice inclinare la tavola, che attualmente può farvi andare più veloci, specialmente con una wakeboard o una bi-direzionale se il vostro peso si sposta sulla tavola in posizione più equilibrata. Questo implica resistenza e posizione sulla tavola. Un'altra cosa che può aiutarti è stare di traverso all'aquilone, non girarti su te stesso. In altre parole con i fianchi paralleli all'aquilone. Posizione che ti aiuta se stai usando una wakeboard o una bi-direzionale (twintip). Non date troppa inclinazione agli agganci, al massimo dovrebbe essere 5°. Queste sono tutte le cose che dovrebbero essere naturali, ma per adesso realizzate i seguenti. Se state andando sotto vento troppo veloci, è perchè l'aquilone è troppo lontano verso il centro della finestra del vento, questo significa che anche la vostra tavola è troppo veloce. Se state perdendo potenza ed il vento è adeguato, la vostra tavola è troppo lenta e l'aquilone troppo vicino alla linea limite.  State calmi e fermi il più possibile con l'aquilone. Evitate improvvisi e bruschi cambi mentre muovete sinusoidalmente l'aquilone. Fate delle curve belle lisce ed ampie. Fate lo stesso con la tavola. Provate a stabilizzarvi ed a mantenere una inclinazione decente della tavola, ma non provate a forzarla troppo. Non avete bisogno di combattere la trazione dell'aquilone o della tavola, dovete solo risalire il vento. Come avete già visto in condizioni di vento leggero, risalire il vento non dipende dalla velocità e dalla forza. Trovate l'equilibrio nella velocità della tavola e nella posizione dell'aquilone tenendolo vicino alla linea limite, risalirete il vento.
Mark


Da: "Chris Glazier" <cglazier@home.com>
Il: Domenica Settembre 9, 2001 5:36 am
Soggetto: Risposta: Abilità nel risalire il vento

Ciao Mike
Penso che Jan, John e Mark hanno detto tutto ma lasciamo aggiungere un pensiero:
- è più facile imparare le tecniche di bolina con condizioni di vento leggero o moderato (a non a raffiche) ..... come già sapete.
- se siete sovrapotenza con la tavola inclinata, provate a buttarvi indietro piuttosto che in una corsa sottovento.
- provate a tenere basso il vostro aquilone (45° o meno) così non sarete sollevati e potrete mantenere l'inclinazione della tavola.
Avrete sotto controllo il risalire il vento quando imparerete ad evitare ad andare sottovento.  Normalmente richiede 10 ore o più in acqua come riportato nel video  "How to Rip". Siate pazienti e divertitevi mentre ci state lavorando sopra.

Chris G


Da: captain1@iname.com
Il: Domenica Settembre 9, 2001 7:11 am
Soggetto: Risposta: Abilità nel risalire il vento

Mike,
Quello che tutti stanno dicendo è vero ed è lo stesso consiglio che ho avuto quando imparavo a bolinare e finii per avere i tuoi stessi problemi, potevo tenere l'aquilone al bordo della finestra del vento, ma a quel punto dovevo iniziare ad accelerare, l'aquilone doveva allora indietreggiare verso il centro della finestra del vento, accelerandomi e facendomi appiattire la tavola, e movendosi ancora più al centro della finestra del vento e così via finchè non andavo come un razzo sottovento veloce come non mai. Tieni bene in conto che per tenere l'aquilone al bordo della finestra del vento devi farlo accelerare (già tenuti in conto negli altri consigli che ti hanno scritto) o devi decelerare tu. Una cosa che veramente poche persone mi hanno detto di fare e che trovo veramente utile per rallentarti prima che tu acceleri troppo è quella di girare i tuoi fianchi nella direzione sopravento in cui vuoi andare, così non girare la tua testa ma piuttosto tutto il tuo corpo, le tue gambe proveranno a seguirti e da qui faranno forza sulla tavola per orientarla contro vento e per rallentarla. Naturalmente io parlo per la mia esperienza, e ho cavalcato solo tavole twintip - mai direzionali, ma credo che che questo possa lavorare bene anche per le tavole direzionali.
Buona fortuna
Anthony


Da: tpurdy1@gte.net
Il: Domenica Settembre 9, 2001 8:35 am
Soggetto: Risposta: Abilità nel risalire il vento

Come evidenziano diversi messaggi, quando perdi il controllo è perchè la tua tavola è troppo veloce, l'aquilone cade verso il centro e tu sei pronto per un periodo di divertimento ? Suona come tu hai l'aquilone nella giusta posizione. Che cosa rispetto alla tavola?
Se state andando troppo forte avete bisogno di essere in grado di far rallentare velocemente la vostra tavola. Potete farlo orientandola sopravento girandovi sui fianchi e premendo in basso molto forte sulla parte posteriore della tavola inclinandola. Questo consente all'aquilone di balzare in fuori al lato (depotenziamento) e tu puoi riprendere il controllo. L'alternativa è di andare sottovento e sotto il lavoro dell'aquilone ma non vi porterà a risalire il vento. Per bolinare veramente quando c'è vento devi orientare la tavola e inclinarla. E' mia opinione che a questo punto è possibile con quasi tutte le tavole. Con 62 kg (150 lbs) una tavola 6'6" può essere più manegevole in condizioni di vento. In funzione del bordo e della coda potrebbe essere quasi impossibile farla rallentare. Un bel po' di tavole da surf convertite hanno questo problema. Comunque una grossa tavola galleggiante può andare molto lenta e con un po' di derive non avete bisogno di inclinarla per bolinare. Quindi è probabilmente più semplice  bolinare con l'aquilone in alto ed in movimento con meno vento. Qui parlo per esperienza. Ho imparato su una tavola direzionale da 7' con due derive. Imparai a bolinare abbastanza semplicemente e trovai anche che i venti lievi o alcuni pompaggi erano semplici. In effetti aggiunsi altre due derive e sentii come se potessi andare diretto contro il vento ;-). Comunque, quando prendevo più potenza, era molto difficile da controllare.

Adesso, sono su una twintip da 175 cm con un bordo molto affilato (piccole derive e infatti provai alcune più grandi ma non mi piacevano) e il controllo con molto vento è semplice. Posso resistere a molta più potenza e all'aquilone con lo stesso aquilone e più vento. Perchè posso fare così? Se volete fare alcuni salti più grandi, avete bisogno di potenza. Oh si, non ci sono altri ingredienti, tempo speso in acqua. Avete considerato di abbandonare il lavoro? ;-). Così se siete arrivati al punto di diventare in grado di bolinare con vento moderato sulla vostra tavola 6'6" potete considerare una tavola più piccola per passare al livello successivo. Potrai anche trovare che puoi stare fuori per un tempo magiore (vedi il paragrafo precedente). Guardando i miei amici ho notato che coloro che hanno investito in tavole più piccole hanno progredito più velocemente. Tutti loro sembrano apprezzare i propri aquiloni (e così io suppongo che i loro aquiloni siano abbastanza buoni e la tavola è molto importante). Potrai prendere una tavola più grande per viaggiare in giorni con venti leggeri e per questo esplorare il mondo dei viaggiatori sottovento.
Buona fortuna,
David


Da: "Roland Andrag" <randrag@icon.co.za>
Il: Domenica Settembre 9, 2001 11:10 am
Soggetto: Risposta: [ksurf] Abilità nel risalire il vento

Mike, consigli molto buoni da tutti. Aggiungerò una cosa in più: quando tu non puoi più veramente rallentare perchè perchè c'è troppa potenza e stai andando troppo veloce, puoi portare l'aquilone indietro sopra la tua testa (lentamente a meno che non tu non voglia volare in aria), rallenta (ancora andando prevalentemente sottovento), e lentamente riporta l'aquilone indietro verso il fronte della finestra del vento inclinando molto la tavola. Nella maggior parte dei casi, facendo così, sarai in grado di avere l'aquilone sul fronte della finestra del vento. mantienilo la, e bolinerai. Questa è la mia ultima difesa - se niente altro può essere utile (sono sollevato completamente fuori dall'acqua con l'aquilone sulla testa), ho bisogno di un aquilone (più) piccolo.
Roland


Da: Mel <kitebord@pacbell.net>
Il: Domenica Settembre 9, 2001 12:45 pm
Soggetto: Risposta: [ksurf] Abilità nel risalire il vento + Tavole per vento forte

Mi piacerebbe aggiungere solo una coppia di punti:
- vorrei suggerirvi che è bene girare i propri occhi e la testa leggermente sopravento, fino a che il vostro corpo non tenda ad andargli dietro, portando con se la tavola.
- quando iniziate a essere sovrapotenza, potete tenere basso l'aquilone e controllare la sua potenza facendo rallentare la tavola (inclinandola e dirigendola sopravento - che è dove state provando ad andare!) invece di volare in alto (che vi tira fuori dall'acqua e vi rende difficile inclinare la tavola). Avrete il massimo abbrivio a bolinare con l'aquilone abbastanza basso (sotto i 45° - anche più basso se depotenziato ma ancora in sovrapotenza) e la velocità della tavola appena sufficiente per stare in planata. Se andate più veloci può sembrare meglio (e più divertente), ma attualmente vi richiederà di più per bolinare (ma chi si preoccupa, se è più divertente - a meno che il vento non stia per cessare, o tu stia provando a colpire il tuo amico sulla spiaggia ... ).

- provate a usare un trim loop e sganciarvi dalla linea principale dell'imbracatura (specie se con vento a raffiche). Questo vi aiuta a mantenere potenza costante, che è molto importante quando imparate a bolinare.

Mel


Suggerimenti sulla finestra del vento e sul vento apparente


Messaggi inviati su: http://groups.yahoo.com/group/kitesurf

Preparati da Chris G. 2001/9/9


Da: jmullmd@home.com
Il: Domenica Settembre 9, 2001 9:37 am
Soggetto: stupide questioni sulla finestra del vento

Ciao a tutti,
Alcuni di questi commenti sulla "capacità di bolinare" mi hanno incuriosito
Quando abbiamo l'aquilone in basso (meno di 45° sopra l'acqua) e andiamo veloci e veloci sulla nostra tavola, quindi rallentiamo la tavola repentinamente, tutti osserviamo qualcosa dell'aquilone: viene sparato in avanti (rispetto al kitesurfer). Per voi ragazzi ho una domanda:

- chi pensa che l'aquilone vada indietro verso il centro della finestra del vento e improvvisamente va al bordo della finestra del vento su un rallentamento? 
- chi pensa che la finestra del vento appare spostata a causa dell'effetto del vento apparente di un kitesurfer che si sposta velocemente?, e sembra di essere sparato in avanti quando questo effetto del vento apparente si riduce improvvisamente?
John


Da: Mel <kitebord@pacbell.net>
Il: Domenica Settembre 9, 2001 12:15 pm
Soggetto: Risposta: [ksurf] stupide questioni sulla finestra del vento

> chi pensa che la finestra del vento appare spostata a causa dell'effetto ...... del vento apparente ...

E' ESATTAMENTE quello che succede. Lasciami provare a spiegare:

Quando stai sulla spiaggia con l'aquilone parcheggiato, senza sheeting you non puoi controllare la posizione dell'aquilone, relativamente al bordo della finestra del vento. In altre parole non puoi farlo volare più sopravento (più vicino al bordo) o lontano indietro (lontano dal bordo). Egli semplicemente e automaticamente va in tutti i modi al bordo, a meno che lo piloti attraverso la finestra, e ugualmente lui continuerà automaticamente e di nuovo fino al bordo.
Ora immaginate di essere su una imbarcazione, moto, bicicletta, skateboard o RollerBlades e state andando a 15 nodi di traverso, perpendicolari, ad un vento di 15 nodi (situazione tipica del kiteboarding). Il vento che colpisce il vostro veicolo non vi viene di fronte. Viene da 45° davanti a voi. Ora immaginate il kiteboarding. Quando Quando siete fermi nell'acqua (prima della partenza) l'aquilone è direttamente sopra la vostra testa, non proprio, potrebbe essere 15° indietro rispetto alla vostra verticale. Se lo parcheggiate giù sul terreno starà 15° indietro rispetto al traverso del vento. Adesso partite dall'acqua e andate a 15 nodi di traverso a un vento di 15 nodi. Proprio come l'esempio di cui sopra, il vento sta ora colpendo voi, il vostro aquilone e la vostra tavola ad un angolo di 45°. Questo significa che il bordo della finestra del vento non è 15° dritti sopra la vostra testa ora è 60° indietro (15+45=60). Un'altro modo per visualizzare questo angolo è che l'aquilone è ora parcheggiato al bordo della finestra del vento 30° avanti rispetto alla vostra direzione sottovento! Ora che voi sapete perchè l'aquilone sembra come se si muova indietro dal bordo, potete preoccuparvi sul perchè sentite come se l'aquilone fosse nella zona di potenza, con maggiore trazione. La potenza in eccesso è dovuta solo al fatto che la velocità relativa dell'aquilone è aumentata a causa del vento apparente. E' abbastanza semplice calcolare in una andatura al traverso (il giusto angolo del vento): A2+B2=C2. Con un andatura al traverso di 15 nodi in un vento di 15 nodi: 152+152 = (vento apparente) 2 e quindi (vento apparente) = (225+225)½ = 21,21 nodi. Questo non sembra molto differente, ma essendo la potenza è proporzionale al quadrato della velocità questo comporta un grosso aumento di potenza. Lasciatemi dire che la dimensione del vostro aquilone è quella che quando l'aquilone è sopra la vostra testa crea un sollevamento di 100 libbre. Quando vi muovete alla velocità della tavola di 15 nodi (21,21 nodi di vento apparente) il sollevamento dell'aquilone deve essere moltiplicato per il rapporto tra 21,212 e 152 o per 450/225 o 2:1. Questo significa che quando navigate alla stessa velocità del vento, al suo traverso, con l'aquilone parcheggiato, dovreste avere il doppio della potenza rispetto a quando eravate fermi!! Questo fattore è leggermente ridotto perchè per semplicità ho concluso comparando il sollevamento stazionario con l'aquilone parcheggiato sopra di voi a 30 metri di quota, dove il vento è leggermente più forte rispetto a quando state navigando con l'aquilone piazzato a circa 21 m di quota (a 45° di elevazione).
Mel


Da: peter.barnes@pobox.com
Il: Domenica Settembre 9, 2001 10:31 pm
Soggetto: Risposta: [ksurf] stupide questioni sulla finestra del vento

Buona spiegazione Mel. L'unica cosa che vorrei aggiungere è che la variazione della velocità del vento vero e la direzione ha effetto sia sul vento apparente che sulla sua direzione mentre vi state movendo. L'effetto apparente è funzione della velocità della tavola. Usando l'esempio di Mel, se state navigando a 15 nodi in un vento vero di 15 nodi, al traverso, un cambiamento della velocità del vento di 5 nodi in tutte le direzioni muoverà il bordo dell afinestra del vento di 10° (indietro in una stracca, in avanti in una raffica). Questa è in parte la ragione per la quale il vostro aquilone vi raggiunge durante una raffica o quando inclinate molto la tavola, e la ragione per cui voi raggiungete il vostro aquilone in una stracca di vento. Anche la velocità del vento apparente cambierà di 3 - 4 nodi.

Stessa situazione, 15 nodi a 15 nodi al traverso. Se il vento vero oscilla di 30° dritto al vostro naso, stando alla stessa forza, l'effetto che voi sentirete sarà di circa 5 nodi di aumento del vento relativo, e il bordo della finestra del vento si muoverà di circa 15° indietro. Spero di di non aver fatto errori nelle mie stime ;-). In realtà, la velocità della nostra tavola e la direzione cambiano velocemente in risposta a queste situazioni, e l'effetto del vento vero è normalmente combinato (per es. raffiche e cambi di direzione) rendendo questi calcoli meramente teorici, e al meglio buoni solo per un momento. Uno degli usi dell'inerzia, ogni ragazzo che ha corso a rimorchio di una fune con due nodi sa che può usare il suo movimento per far volare meglio un aquilone.  L'abilità sta nel saper conoscere quanta pressione applicare alle linee durante una stracca (curvando sopravento) senza abbattere la velocità della tavola e senza portare l'aquilone dove può stallare. Come ultimo pezzo di frivolezza tecnica con cui andare - l'aria che è nell'aquilone si muove alla sua stessa velocità. L'aria conta quando calcolate l'energia immagazzinata movendo l'aquilone - il peso dell'aquilone PIU' il peso dell'aria in esso x il quadrato della velocità. L'aria compressa è ovviamente più densa.

Pete


invia posta a Roberto

Il titolare, l'amministratore, l'autore e tutti coloro che hanno collaborato a questo sito non rappresentano nessuna garanzia riguardo ad errori, omissioni o incorrettezze delle informazioni contenute in questo sito web.  Usare le informazioni quì contenute a proprio rischio e pericolo.  Il titolare, l'amministratore, l'autore e tutti coloro che hanno collaborato a questo sito non sono responsabili per perdite o incidenti a voi o a terzi incluse le perdite di affari, le perdite di materiali, attrezzature o danni alle proprietà, lesioni o morte derivante da voi o terzi che utilizzano le informazioni quì contenute.