CALABRIA

 

 

Consiglio Territoriale di Reggio Calabria

Consiglio Territoriale di Rogliano (Cs)
dpsucosenza@yahoo.it
(già decine di iscritti: buon lavoro compagne e compagni)

 

 

 


Mezzogiorno ieri ed oggi: dinamiche di una terra conquistata clicca e leggi


MEDIOEVO?

Penso sia molto felice la popolazione jugoslava dopo che il giudice Del Ponte e il Tribunale internazionale hanno "assolto" la NATO dalle accuse di genocidio, terrorismo ambientale, distruzione indiscriminata di "obiettivi civili" (case, scuole, ospedali), il bombardamento dell’ambasciata cinese, di vari autobus civili durante la loro corsa, l’uso di armi criminali e bandite dai trattati internazionali (uranio impoverito, bombe a frammentazione), e quanto altro ha prodotto la macchina da guerra anglo-americana supportata dai valvassini europei, sempre pronti a dimostrare la propria fedeltà anche a costo di tradire le costituzioni cui avevano giurato di osservare.

Potranno dormire sonni tranquilli gli jugoslavi: la Del Ponte ha stabilito che i militari della NATO non sapevano che bombardando una raffineria petrolifera o una fabbrica chimica si correva il rischio di una catastrofe ecologica (come poi c’è stata), non sapevano che dentro autobus atti al trasporto civile (ben riconoscibili dai mezzi militari) ci fossero uomini, donne e bambini in fuga dalla guerra, non sapevano che durante il bombardamento della televisione jugoslava ci fossero tecnici e giornalisti che lavorassero all’interno, non sapevano che nei mercati bombardati ci fossero donne a fare la spesa e bambini a giocare, non sapevano…

A volte le istituzioni del diritto (nazionale e internazionale) sono molto strane, tanto per usare un eufemismo: si, è successo, ma non è stato fatto apposta, non si poteva sapere o prevedere, e poi si era in guerra contro "l’Impero del Male", quindi ogni azione intrapresa e ogni arma usata sono state legittime…

Sapevamo del potere giudiziario, forte con i deboli e debole con i forti, ma sinceramente pensavo (speravo) nella reale divisione e autonomia dei poteri, soprattutto delle istituzioni del diritto, quanto mai fondamentali in un paese che si dice civile, ancor di più in un mondo dilaniato da guerre civili e dominio assoluto delle (poche) multinazionali: tutto ciò è falso, i fatti dicono che il tribunale internazionale è una succursale di un club criminale chiamato NATO, non si spiegherebbe altrimenti una "assoluzione per aver commesso il fatto", come scriveva benissimo nelle sue analisi "Il Manifesto" di sabato e come, alla fin fine, realmente è, leggendo la richiesta di archiviazione delle denunce.

I giudici condannano per legge come terroristi e sovversivi, applicando le famose leggi antiterrorismo che prevedono pene salatissime che vanno fino all’ergastolo, chi attacca nei muri dei manifesti che invitano al non-voto, ad esprimere il proprio dissenso e la sfiducia nella classe politica con questa forma di protesta (è successo a Milazzo, presso Messina, dove un gruppo di giovani studenti sono stati condannati a pene che vanno dai 4 ai 9 anni!), le forze dell’ordine schedano tutto di tutti (manco fossimo in un paese-galera, anche se...) e si accaniscono contro immigrati in corteo che chiedono al papa di prendere posizione sui permessi di soggiorno e sulle loro precarie condizioni (come dire, bussate che vi sarà aperto….un bel buco in testa!!!) o contro chi vuole andare a manifestare prendendo il treno (vi ricordate delle persone picchiate alla stazione di Genova?), viene preso un povero cristo e crocifisso come il telefonista delle brigate rosse sulla base delle dichiarazioni di un ragazzino di 13 (tredici) anni e su una matrice di scheda telefonica "sospetta" (e a nulla vale il riconoscimento di altre TRE (3) persone da parte del ragazzino o il fatto che il povero cristo crocifisso quel giorno stava lavorando).

Sto sognando (ed è quello che spero vivamente, anche se è un sogno molto squallido), oppure siamo tornati nei tempi bui del medioevo, della caccia alle streghe, dell’integralismo religioso e del dominio assoluto e incontrastato dei vari "reami"? Più che nuovo, a me sembra che il mondo di colpo si sia fatto molto vecchio, sia tornato molto indietro, e la cosa mi spaventa non poco: torneremo a quei tempi in cui esisteva un unico impero che conquistava e sottometteva terre e popolazioni, e che le assoggettava al proprio diritto e ai propri voleri, dominato da pochissime persone sempre in lotta tra loro per la conquista totale di quel potere immenso? O siamo già arrivati a questo tempo?

Luciano

"Il più forte non sarebbe tale se non trasformasse la sua forza in diritto e l’obbedienza nei suoi confronti in dovere" J.J. Rosseau