IL BORGO ETERNO

 

St a sede e pare una regina

lui sopra ar banco un re

io passo e guardo ogni mattina

e lei me guarda a me

 

sto borgo come un alveare

pe quanta gente c ha

niente a sto monno pu fermare

sto tempo senza et

 

al massimo saresta

pe na pennica per

quello r momento che me piace

lora che ce vado

lei se scalda e lascia fa

pe poi interrompe sur finale

 

ma mica che fa male

uguale

nun castello ma bottega

lei c ha due sise che

sotto ar vestito fanno piega

e tanto effetto a me

 

e aspetto si se spoja

quarche cosa fa ved

che nuda poi spettacolare

io provo e ci ariprovo

fosse oggi che ce st

che quando ar dunque nun se smove

 

ma come che la tocco

a lei glie piace e pure a me

me sembra desse chiss dove

 

e come che carezzo

lei se scioglie e pure io

nun cho problemi pe st bene

 

e come che carezzo

lei se scioglie e pure io

nun cho problemi e stmo bene