SALVO PARISIO PERROTTI

 

Gli acquerelli sono nell'ordine: "Nusco, farmacia, 1949" - "Nusco, 1949" - 
"Nusco, 1947" -"Nusco, la Villa Vecchia" - "Nusco, Dietro le Mura" - 
"Nusco, dalla Villa Vecchia" -"Nusco, pergolato"

Biografia

Nacque a Benevento il 19 maggio 1881. Marchese, capitano di vascello.
Pittore per puro diletto, amava soggiornare a Nusco.
In data 11 ottobre 1943 fu delegato dall' Allied Gouvernement Military a ricoprire, nella nostra città, le funzioni podestarili.
Conservò amichevoli e duraturi rapporti con l'ambiente nuscano, ove trovò ispirazione e risposte alla sua visione artistica.
Morì a Napoli il 6 agosto 1963.

Gli acquerelli sono: "Nusco, Vicolo Seminario, 1948" - "Nusco, 1951" -
"Nusco, Via S. Giovanni"

Critica

Salvo Parisio Perrotti apparteneva a quella ininterrotta catena di gentiluomini napoletani che, dalla fine del Seicento ad oggi, furono ornamento della cultura. Spiriti multiformi si misurarono con maestri in molte discipline: dalle arti plastiche a quelle meccaniche, dalle matematiche alla filosofia. Da un Tiberio Carafa a Raimondo De Sangre, a Gaetano Filangieri, a Salvatore Pignatelli; e, scendendo ai nostri tempi, fino ad Antonio Carafa e Salvo Parisio Perrotti.
Uomo di molteplici interessi, fu ufficiale di marina ed insegnava le matematiche; cultore di scienze naturali, ideava e costruiva orologi; suonava vari strumenti. In tale varietà di attitudini si rivelò anche elegante acquarellista. Un puro dilettante, nell'autentica accezione del termine, di chi si esercita in un'arte solo per amore, lungi da ogni voce di consenso o di contrarietà.
Lasciata la marina Salvo Parisio Perrotti ha passato molte lunghe estati con la sua famiglia a Nusco dove ha dato buona parte del suo tempo alla pittura.
Osserviamo questi acquerelli così leggeri, ricchi di trasparenti valori tonali donanti vita a selvosi scorci irpini, ora a una piazza di Napoli o Venezia, ora a una strada di Glasgow, Londra, Sorrento o ad una marina di Oslo o Malaga.
Con amore del particolare senza pedanteria supera l'espressione agevole del paesaggio giungendo ad una sua interiore scoperta. Che non è frutto, grazie a Dio, di elucubrazione ideologica, ma dello stupore grato della luce nella qualità dell'istante. Come diceva Goethe "Am forgigen Aglanz haben wir das leben", in colorati riflessi possediamo la vita.
Così non sembra azzardato affermare che tali pitture appartengono alla migliore tradizione del tardo Ottocento napoletano, degne di figurare accanto a quelle di un Carelli, di un Dalbono, di un Gigante.

Enrico Gaetani dell'Aquila d'Aragona

      SCRIVIMI black.power@tiscalinet.it
Ultimo aggiornamento: 22 maggio 2001
WebMaster: Tonino
© Copyright 2000 Nusco nell'arte