Dinosauri - i carnivori

 

Allosaurus

Enorme dinosauro carnivoro, o carnosauro, vissuto nel Giurassico superiore e nel Cretaceo inferiore. I fossili rinvenuti in Nord America, in Africa e in Australia, mostrano che l'animale raggiungeva 12 m di lunghezza, oltre 4 m di altezza e pesava fino a 5 t. L'allosauro era bipede; camminava su possenti arti posteriori con grandi piedi da uccello, utilizzando la pesante coda per bilanciarsi. Le dita delle zampe posteriori e quelle dei più corti arti anteriori erano caratterizzate da artigli acuminati; le fauci erano dotate di denti lunghi e fitti che consentivano di staccare enormi bocconi di carne. Questi dinosauri oltre a cacciare, forse in gruppo, si nutrivano anche di carogne.

 

Tyrannosaurus

Grande dinosauro bipede carnivoro, vissuto nel Cretaceo superiore. Lungo circa 15 m, alto 6 m e con un peso di oltre 5 t, il tirannosauro era probabilmente un predatore di grandi dinosauri erbivori (tyrannos in greco significa "tiranno") . Era dotato di terribili fauci con doppie file di denti serrati, alcuni dei quali raggiungevano la lunghezza di più di 20 cm. Gli arti superiori, minuscoli in proporzione al resto del corpo, recavano ognuno due artigli acuminati; i potenti arti posteriori erano invece armati con tre artigli diretti in avanti e un quarto rivolto all'indietro. I fossili rinvenuti in Nord America e in Mongolia, in strati del Cretaceo superiore, indicano che questi animali si estinsero in uno spazio di tempo relativamente breve, di pochi milioni di anni. Si conosce una sola specie: Tyrannosaurus rex.

 

Compsognathus

Gruppo di piccoli dinosauri carnivori, con caratteristiche da uccello, che vivevano durante il Giurassico superiore. Questi animali avevano le dimensioni di un grosso pollo: erano lunghi circa 60 cm e pesavano poco più di 3 kg. Gli arti posteriori erano simili a quelli di un uccello mentre quelli anteriori, più corti, terminavano in zampe dotate di due dita ricurve; il capo era piccolo e appuntito e le fauci contenevano molti denti acuminati. Compsognathus camminava sulle zampe posteriori e, durante la corsa o la caccia, utilizzava la coda sottile per bilanciarsi. Si nutriva probabilmente di insetti, piccole lucertole e piccoli mammiferi. Sono stati rinvenuti due esemplari di Compsognathus; uno di essi, scoperto nel 1861, era nella stessa formazione di calcare di Solnhofen, in Baviera, che conteneva anche Archaeopteryx; l'altro esemplare è stato trovato nel Sud della Francia nel 1978.

 

Albertosaurus

In passato noto come Gorgosaurus, gruppo di dinosauri carnivori vissuti in Nord America durante il Cretaceo superiore; si estinsero al tempo della scomparsa dei dinosauri avvenuta circa 65 milioni di anni fa. Questo animale, anche se di dimensioni minori, era simile al Tyrannosaurus: si ergeva su arti posteriori ben sviluppati e si bilanciava con la lunga coda. L'albertosauro era lungo 8 m, alto 3,5 m e pesava fino a 5 t; cacciava in gruppo ma si nutriva probabilmente anche di carogne.

 

Dilophosaurus

Il Dilophosaurus è apparso per la prima volta circa 190 milioni di anni fa, cioè 40 milioni prima dell'Allosaurus. Il Dilophosaurus era lungo 6 m, con forti arti e una lunga coda. Aveva mascelle più delicate dei carnivori successivi e può darsi che si sia nutrito di carcasse.

 

Deinonychus

Dinosauro carnivoro di media taglia vissuto nel Cretaceo inferiore. Questo feroce predatore era lungo mediamente 3 m, raggiungeva un'altezza di 1,8 m e pesava fino a 80 kg. Deinonychus era un agile e veloce corridore; in fase d'attacco si lanciava contro la preda mantenendo il corpo orizzontale e la coda rigidamente tesa all'indietro per bilanciarsi. Le fauci del capo, relativamente grande, erano dotate di denti sviluppati e fitti. Le tre dita degli arti anteriori erano armate con artigli ricurvi; il secondo dito della zampa, tenuto rialzato dal suolo e piegato indietro durante la corsa, recava un artiglio retrattile a forma di falce, della lunghezza di 13 cm: un'arma formidabile cui il nome dell'animale allude (infatti, esso deriva dal greco deinos, "terribile" e onychos, "artiglio"). È assai probabile che Deinonychus cacciasse in gruppo. Scheletri fossili ben conservati sono stati ritrovati nei terreni argillosi del Montana. È strettamente imparentato con Velociraptor, i cui resti si trovano in Asia.

 

 

Coelophysis

Dinosauri come il Coelophysis, veloce e di leggera costituzione, erano adatti a catturare altri dinosauri più piccoli, nonchè insetti e rettili simili a lucertole. In una delle migliori scoperte di Coelophysis, dozzine di loro scheletri sono stati trovati insieme, apparentemente trasportati da un fiume in piena. Gli scheletri di Coelophysis, trovati nel Nuovo Messico (USA), contenevano scheletri dei loro piccoli. E' qiundi presumibile che il Coelophysis mangiasse i suoi figli.

 

Troödon

Il Troödon aveva un artiglio aguzzo a forma di falcetto nelle zampe posteriori e una coda forte. Con le zampe anteriori provviste di tre dita teneva la vittima; un cervello piuttosto grande e grandi occhi lo rendevano un buon cacciatore sia di giorno che di notte. Per anni, del Troödon si è saputo solo che aveva un dente.

 

Velociraptor

Dinosauro carnivoro di media taglia diffuso in Asia durante il Cretaceo superiore. L'animale, alto 1,5 m e lungo 2 m, aveva arti superiori artigliati e più lunghi di quelli posteriori; poteva correre rapidamente mantenendo alta la coda per bilanciarsi. I grandi speroni a falce erano un'arma formidabile di questo terribile predatore. A riprova di ciò, nel deserto della Mongolia è stato ritrovato fossilizzato un esemplare di Protoceratops avvinto nella stretta mortale di un Velociraptor e ucciso da colpi di sperone al ventre. Velociraptor era strettamente imparentato a Deinonychus.